Home Cuisine Landscape and nature Architecture and art Sport Accommodation Visiting Gadget Learning Arts and Crafts The way we were Organized tours Home Cucina Paesaggio e natura Arti e Mestieri Sport Accoglienza Visitare Gadget A scuola di... Architettura e arte Come eravamo Tour organizzati
Italiano
English
Visitare
Visitare
Visita il Mugello, culla dei Medici, a due passi da Firenze e le bellezze toscane
 

Visitare la Toscana

 

 
 

Versilia

Questa lingua di terra a nord della Toscana al confine con la Liguria, a sud delimitata dal lago di Massaciuccoli, stretta ad est dalle Alpi Apuane e bagnata ad ovest dal Mar Tirreno; ha origini antichissime, infatti si sono trovate testimonianze della presenza dell'uomo risalenti a 40.000 anni fa vicino a Camaiore, uno dei sette comuni su cui si divide il territorio della Versilia.
A partire dal VII sec. a.C. la Versilia fa parte del territorio etrusco della Tuscia, ed il più importante insediamento della zona è stato riconosciuto dai reperti ritrovati, nei pressi di Massaciuccoli. La dominazione etrusca non fu pacifica, dati i numerosi sconfinamenti delle popolazioni liguri-apuane, che tendevano a scendere dalla pianura padana per insediarsi in Versilia.
Anche i romani, succeduti agli etruschi, combatterono contro i liguri per più di ottanta anni per avere l'assoluto dominio della Versilia
Molti secoli più tardi, i Medici, Signori di Firenze, mandarono le loro truppe ad invadere la Versilia, e dopo feroci combattimenti riuscirono a conquistarne solo una parte.

La Versilia rimase a lungo frazionata in possedimenti di diversi Comuni, con la relativa conseguenza di una difficile convivenza tra loro.
Nella seconda metà del Cinquecento anche Stazzema entrò a far parte dei possedimenti Medicei. Con quest'ultima annessione i Medici iniziarono la valorizzazionedel territorio, incrementando l'attività estrattiva del marmo; ma solo nel Settecento, sotto il governo dei Lorena, in Versilia vi furono opere di bonifica del territorio, di rimboschimento e di messa a coltura, specialmente sui terreni della fascia costiera. Queste opere di miglioramento portarono anche ad un ripopolamento della zona, non solo spontaneamente, infatti il Granduca Leopoldo I di Lorena nel 1784 concesse sgravi fiscali a coloro che si fossero insediati stabilmente nel territorio di Pietrasanta.
Nello stesso periodo fu costruita la Via Vandelli (dal nome del suo realizzatore), che univa Modena a Massa, percorribile in due soli giorni di cavallo.
Dopo l'annessione al Regno d'Italia, che non fu priva di vivaci proteste da parte degli abitanti, la zona fu completamente bonificata e in seguito, con l'affermazione della moda dei bagni di mare, a cui hanno dato inizio proprio dalle spiagge della Versilia insigni personaggi storici, la Versilia è entrata a far parte delle località balneari più rinomate d'Italia.

Dagli anni '60 il turismo balneare è diventato, insieme alle attività legate al marmo, la risorsa economica principale della Versilia.
Il centro più importante della Versilia è Viareggio, cittadina balneare la cui origine risale al XII secolo.Nei primi anni del Novecento dopo molti lavori, Viareggio assunse l'aspetto di città liberty; purtroppo oggi, a causa del grave incendio del 1917, rimangono poche testimonianze di quello che fu lo splendore di allora, possiamo citare come esempio la facciata del Caffè Margherita, locale della Passeggiata.
Interessanti sono il Museo Archeologico e la Pinacoteca L. Viani.
L'unica frazione di Viareggio è Torre del Lago che si trova sulla riva del lago di Massaciuccoli, famosa in quanto il musicista Giacomo Puccini vi soggiornò, dal 1891 al 1921, in una splendida villa fatta costruire sulle rovine dell'antica Torre Guinigi (ora museo Pucciniano). Importante appuntamento per gli amanti della musica classica è il Festival Pucciniano che si tiene ogni anno in estate a Torre del Lago dal 1930.
Viareggio ospita la manifestazione più nota dell'intera Versilia, il Carnevale di Viareggio, che da anni attira pubblico da tutta Europa, e si tiene tra febbraio e marzo (ne esiste anche una versione estiva, ma non ha molto seguito).

Forte dei Marmi, centro mondano più esclusivo dell'intera Versilia, nacque nel XIV secolo intorno ad un posto di guardia fortificato, da cui prende il nome. Fu popolato da cavatori e pescatori e il suo porto divenne scalo per le navi che trasportavano il marmo.
Oggi, sulle sue curatissime spiagge, si possono incontrare molti personaggi famosi.
Camaiore è un centro di origine romana e fu, in un passato più recente, un importante centro agricolo commerciale, che si arricchì di pregevoli monumenti come la bellissima collegiata di Santa Maria, la chiesa di San Michele e la Badia di San Pietro.
Sul litorale si snoda il Lido di Camaiore, piacevole centro balneare che ai primi del '900 ospitò Gabriele D'Annunzio e Giacomo Puccini.
Pietrasanta, cittadina posta nella piana versiliese, viene considerata capoluogo storico della Versilia e capitale della lavorazione artistica del marmo.
Anche Pietrasanta ha la sua Marina, una zona residenziale che si snoda lungo il litorale tra il verde della pineta.
Seravezza, altro comune della Versilia, è posto sulle pendici delle Alpi Apuane. Le sue origini risalgono all'anno mille. Il monumento più importante è il Palazzo Mediceo, voluto da Cosimo I e costruito nel 1565 su disegno dell'Ammannati.
Massarosa, di origini antichissime (sono stati ritrovate tracce di insediamenti umani del paleolitico medio), posta all'interno della Versilia, vicino al lago di Massaciuccoli, include la chiesa dedicata ai Santi Jacopo e Andrea, ricca di capolavori artistici.
Ultimo comune della Versila, Stazzema, che si estende in altura ed è formato da molti piccoli centri.
Il paese ha come catatteristica le sue costruzioni in pietra. In passato Stazzema fu meta di assidui pellegrinaggi in quanto tradizione vuole che vi fosse rinvenuta un'immagine delle Madonna nel luogo dove adesso, dal 1600, si trova il Santuario della Madonna del Piastraio.

Molteplici sono le tradizioni gastronomiche della zona, si passa infatti dai piatti di pesce del litorale ai piatti tipici della montagna toscana; tutti comunque accomunati dall'uso dell'olio d'oliva, col quale si preparano piatti che uniscono il pregio della digeribilità a quello di un sapore inconfondibile. Sono particolarmente rinomati: il risotto alle seppie e bietole, il cacciucco (tradizionale zuppa di pesce cotta nel caldaro di ghisa), la zuppa di arselle e gli spaghetti alle vongole; il piatto più famoso resta comunque le "ceè" (avannotti di anguilla ancora ciechi, da qui il nome) messe nell'olio bollente, aromatizzato con aglio e salvia. Da citare gli ottimi tartufi della pineta di Viareggio, e la particolare mortadella versiliese, fatta secondo una ricetta tradizionale. Tra piatti della montagna trionfa la pasta con i ceci e la gustosissima zuppa di cavolo nero, il coniglio con le olive e la gallina ripiena, piatto tipico apuano, insieme al tortino di carciofi e al castagnaccio, dolce di castagne e pinoli.
Tutti i piatti vengono accompagnati dall'immancabile vino rosso delle colline lucchesi o bianco prodotto in provincia di Massa; il vino più famoso della zona è il Montecarlo, un bianco che ha ricevuto la D.O.C. nel 1969, ed ha una produzione molto limitata.

Fotografie di Sandro Santioli

 
 
 
   
 
ritorna all'inizio
   
       
  Terra di Toscana

© Polimedia - Tutti i diritti riservati
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Firenze n. 5528 10/11/2006
Ed. Polimedia - Dir. Resp. Riccardo Benvenuti - P.IVA 05575950489

 
 

Pubblicità | Chi siamo | Site search | Contatti | Press Kit | Copyright | Privacy | Cookie policy